Non riesci a visualizzare la finestra di sicurezza del browser di Paypal?

Clicca qui
per riaprire la finestra e concludere il tuo acquisto.

Ancora un po' di pazienza. Il tuo ordine è quasi concluso.

Utilizzo
  • 10
  • 25
  • 83
Sesso
  • 97
  • 21
Taglia
  • 9
  • 57
  • 70
  • 66
  • 61
  • 45
  • 6
Marchio
  • 5
  • 7
  • 1
  • 1
  • 15
  • 7
  • 5
  • 18
  • 4
  • 1
  • 2
  • 1
  • 4
  • 7
  • 9
  • 1
  • 3
  • 3
  • 1
  • 4
  • 3
  • 2
  • 2
  • 5
  • 6
  • 1
Colori
  • 53
  • 0
  • 0
  • 11
  • 17
  • 12
  • 0
  • 2
  • 5
  • 0
  • 18
  • 6
  • 7
  • 0
  • 2
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
Prezzo
Recensioni clienti

Gilet - Protezione dal vento per la tasca della maglia

Nei giorni in cui inizia il tempo fresco o variabile i gilet sono l'ideale. I gilet leggeri sono perfetti sulla maglia per proteggere la parte superiore del corpo dal vento e quindi per evitare il raffreddamento. Nella parte anteriore la maggior parte dei modelli sono antivento e molto piacevoli da indossare quando hanno anche un collo alto. Sul retro di solito sono molto traspiranti. Alcuni produttori utilizzano in parte un tessuto di rete traspirante. Se il gilet non è più necessario perché il sole finalmente è uscito oppure si arriva proprio a sudare, può essere facilmente conservato in tasca o nello zaino. Grazie a volume e peso ridotti, non si può rinunciare alla protezione dal vento di un gilet in nessuna uscita.

Classificare
 
Pagina 1 di
3

Gilet da ciclismo: la protezione giusta per i primi freddi

Gilet ciclismo

I gilet da ciclismo sono un capo intermedio, molto importante per proteggere il torace e la schiena durante le uscite autunnali in città e in campagna, e sono utili in tutti casi in cui la temperatura non scende al di sotto dei 5 gradi. I modelli più accessoriati presentano anche un cappuccio per proteggere la testa e in particolare le orecchie dal vento, che può causare infiammazioni e portare a faringiti e laringiti.

Il gilet antivento per il ciclismo è un capo tecnico, comodo per tutti i tipi di percorsi e realizzato con materiali che garantiscono comfort e soprattutto traspirabilità.

Sul mercato esistono modelli da uomo e da donna, di vari colori.

I colori più accesi, come quelli fluo, sono utili per chi viaggia di notte o comunque in zone poco illuminate, i colori chiari respingono i raggi del sole, mentre quelli scuri li attirano. La taglia va verificata attentamente perché il gilet deve proteggere dal freddo e aderire al corpo, e quindi si porta attillato.

Come sono fatti i gilet da ciclismo?

I gilet sono delle giacche senza maniche, con la parte davanti che ha una chiusura a zip, e spesso un collo che si può risvoltare.

Di lato, in genere a destra o su entrambi i lati, hanno delle tasche abbastanza capienti, richiudibili, che sono comode per portare documenti, piccole borracce, eventuali snack come barrette energetiche, telefoni cellulari ecc. In vita hanno di solito un elastico o una chiusura con laccetti che hanno la funzione di bloccare l’aria e mantenere costante la temperatura corporea.

I rivestimenti del gilet antivento da ciclismo

Il gilet è realizzato in tessuti misti, che comprendono la lycra, leggera e traspirante, il gore-tex per la protezione antivento, il neoprene per la membrana impermeabile.

Sono materiali progettati per aiutare il corpo a mantenere sempre la stessa temperatura, perciò disperdono il sudore e apportano comfort. Inoltre sono leggeri e non impediscono i movimenti del rider.

Alcuni gilet antivento hanno anche un rivestimento interno in fleece, cioè felpato, che offre una protezione in più, ma va usato soltanto se fa molto freddo.

Le differenze tra la parte anteriore e quella posteriore dei gilet per ciclismo

La parte davanti dei gilet da ciclismo ha quasi sempre un rivestimento antipioggia, che protegge anche da fango, umidità, nebbiolina, e una membrana antivento, necessaria soprattutto per le temperature più fredde e per le discese nelle zone boschive.

La membrana antivento è leggera e non aggiunge molto peso al gilet, ma è molto utile. Di solito il gilet da ciclismo presenta anche degli inserti in rete con zip regolabile, avanti e ai lati, come ad esempio sotto le ascelle, che permettono di regolare la quantità di aria.

Questa è una caratteristica molto importante perché è frequente avere freddo all’inizio del percorso, ma già dopo le prime salite si inizia a sudare ed è indispensabile mantenere il corpo asciutto.

La parte posteriore, invece, per evitare l’accumulo di sudore sulla schiena e sulle spalle, ha una speciale membrana traspirante che facilita la dispersione del calore, anche tramite degli appositi inserti in rete.

Il cappuccio e il collo nei gilet antivento da ciclismo

Alcuni modelli hanno un collo regolabile, che si può cioè alzare o abbassare a piacimento, e un cappuccio. Il collo serve per proteggere il naso, il collo e la bocca in caso di bruschi cambi di temperatura, mentre il cappuccio ha il compito di riparare da pioggia e vento e di tenere costante la temperatura della testa e le orecchie.

È una caratteristica molto importante soprattutto per le orecchie, dato che queste sono collegate direttamente con il naso e la bocca e quindi esiste il rischio di ammalarsi.

Come si usa il gilet da ciclismo?

Il gilet da ciclismo fa parte dei componenti intermedi dell’abbigliamento da ciclismo. Quindi, sotto il gilet è necessario indossare un intimo tecnico da scegliere in base alla stagione e alla propria sudorazione. Ad esempio, una maglia tecnica o termica con maniche lunghe se fa molto freddo, oppure la canotta traspirante in estate.

Il gilet è sufficiente per la maggior parte dell’anno se si vive in zone temperate, ma nel caso di climi più rigidi e di temperature più estreme, il gilet va completato con delle giacche termiche, o delle giacche antivento. Date la variabilità delle temperature e delle condizioni su vari tipi di percorsi, la traspirazione e l’impermeabilità sono più importanti del peso o del rivestimento del gilet.

L’abbigliamento l’ideale per il ciclismo è a cipolla, quindi il gilet si può portare ripiegato nello zaino e indossato al momento. Dato che si tratta di materiali con inserti plastici e membrane antivento, è importante fare molta attenzione al lavaggio.

Si consiglia il lavaggio in acqua fredda o tiepida con sapone delicato, e si lascia asciugare all’aria. Un lavaggio troppo aggressivo potrebbe rovinare il rivestimento rendendo di fatto il gilet inutilizzabile.



Hai bisogno di aiuto?
Contatta i nostri esperti! Lun-Ven: 10 -17
02 6006 3055
Newsletter
Registrati ora e riceverai un buono sconto di 10 €.
Offerte esclusive e fantastici buoni sconto ti aspettano.4
Clienti soddisfatti
Sei soddisfatto del servizio?