Non riesci a visualizzare la finestra di sicurezza del browser di Paypal?

Clicca qui
per riaprire la finestra e concludere il tuo acquisto.

Ancora un po' di pazienza. Il tuo ordine è quasi concluso.


Pignoni

(19 Articoli)

  Utilizzo

Selezionato:
  •  
  •  
  •  

  Compatibilità di sistema

Selezionato:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

  Marchio

Selezionato:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

  Prezzo (€)

  • -
    Accetta

  Recensioni clienti

Selezionato:
Classificare
Pagina 1 di
1
 
Classificare
Pagina 1 di
1

I pignoni della bici: che cosa sono e come funzionano?

Pignoni per bici sixpack

I pignoni della bici fanno parte del meccanismo della ruota libera, che insieme al pacco dei pignoni è il sistema che permette di far camminare la bicicletta anche senza pedalare.

Il pacco dei pignoni si definisce anche cassetta, oppure sprocket in inglese.

La ruota libera, con i pignoni, si trova sulla ruota posteriore della bici e il numero dei pignoni determina il numero di cambi della bicicletta. I pignoni sono un insieme di ruote dentate di dimensioni diverse, affiancate l’una all’altra, sulle quali si sposta e scorre la catena durante la pedalata.

Il pacco dei pignoni ha subito molte modifiche ed è oggetto di continue ricerche, perché è un componente fondamentale della bici, che ne determina la velocità e la potenza. In questa guida vedremo che cosa sono e se è possibile smontare il pignone della bici senza chiave.

La ruota libera

Sulle bici a scatto fisso, cioè senza marce (ad esempio le biciclette dei bambini e quelle da passeggio) e sulle biciclette vintage, la ruota libera e i pignoni della bici sono composti da un unico blocco.

Le biciclette con il cambio, invece, hanno i pignoni separati dal meccanismo della ruota libera e il loro numero è variabile.

Quanti pignoni per la bici esistono e come sono fatti?

Il numero dei pignoni sulla maggior parte delle biciclette varia tra i 7 e gli 11, anche se il pacco pignoni più diffuso ne prevede 10 o 11. Dato che i pignoni vanno uno sull’altro, maggiore è il numero di pignoni e più sottile è il loro diametro, e l’obiettivo è assicurare leggerezza e scorrevolezza della catena.

I pignoni per la bici hanno una forma di dischi dentati: il numero dei denti stabilisce la dimensione del pignone e i denti hanno una forma irregolare, per permettere alla catena di spostarsi agevolmente.

Il disegno dei dentini non è standard, ma varia in base alla casa produttrice: per questo è importante, in caso di sostituzione, verificare le indicazioni sui modelli.

I cerchi che si trovano su ciascun pignone si chiamano distanziali e sono molto importanti perché determinano lo spessore del pignone e la loro distanza reciproca, con ripercussioni sulla solidità, sul peso e sull’affidabilità del sistema di cambio. Per guadagnare leggerezza, in particolare per i sistemi con dieci o undici rapporti, i pignoni più grandi sono raggruppati in un blocco unico.

Di quali materiali sono fatti i pignoni della bici?

Il materiale più diffuso per i pignoni della bici è l’acciaio, in varie leghe, perché è resistente e durevole, ma influisce notevolmente sul peso della bicicletta.

Per questo motivo, i modelli più recenti e innovativi sono realizzati in titanio. Si tratta di pignoni molto leggeri e performanti, ma costosi. Un buon compromesso per non rendere la bici troppo pesante è l’utilizzo dell’acciaio per i pignoni più piccoli e del titanio per quelli più grandi.

I professionisti utilizzano prevalentemente pignoni per la bici in una lega di alluminio che si chiama Ergal. È un materiale leggero ma delicato perché si consuma facilmente.

Quando si devono smontare i pignoni della bici?

Il pacco dei pignoni della bici ha bisogno di pulizia e manutenzione costanti, per fare in modo che i rapporti si inseriscano perfettamente, che la catena funzioni al meglio e che la pedalata risulti fluida.

A causa della loro posizione, in particolare per le discipline mtb, il pacco dei pignoni e lo spazio in mezzo tende ad accumulare sporcizia, fango, terriccio, grasso o olio.

Per questo motivo, va smontato periodicamente, pulito con dei solventi, lubrificato con i prodotti appositi e rimontato.

I pignoni della bici vanno smontati anche quando c’è bisogno di fare la revisione. Ad esempio quando i denti si assottigliano a causa dell’usura e dello sporco, quando la catena si allunga o si consuma, oppure per sostituire un raggio rotto sulla ruota posteriore.

Come capire se è arrivato il momento di sostituire i pignoni della bici?

Il primo segnale per capire che qualcosa non va arriva dalla catena. Quando la catena non resta inserita ma cade, oppure quando salta su di un pignone al cambio della marcia, vanno verificati i denti del pignone perché probabilmente sono consumati.

Come si cambiano i pignoni della bici?

Per cambiare i pignoni della bici ci vuole un minimo di conoscenza meccanica perciò, la soluzione ideale è recarsi presso un meccanico esperto.

Chi vuol far da sé deve aver bisogno, oltre ovviamente al pacco di pignoni nuovi, di un kit di strumenti, tra cui una chiave a frusta e una chiave per la cassetta, panni, spugne e detergenti per la pulizia, i solventi (ad esempio acetone o petrolio bianco) per sgrassare, e il grasso per lubrificare i pacco pignoni prima di rimontarlo.

È possibile smontare il pignone della bici senza chiave?

Anche se esistono degli estrattori universali, spesso sono prodotti in plastica. Esistono molte soluzioni artigianali per smontare il pignone della bici senza chiave, ad esempio infilando delle viti tra ciascun pignone e facendo leva con un martello, ma il consiglio è di rivolgersi a meccanici qualificati per non correre il rischio di rovinare il sistema dei pignoni.



Hai bisogno di aiuto?
Contatta i nostri esperti! Lun-Ven: 10 -18
02 6006 3055
Newsletter
Registrati ora e riceverai un buono sconto di 10 €.
Offerte esclusive e fantastici buoni sconto ti aspettano.4
Clienti soddisfatti
Sei soddisfatto del servizio?
Scrivi recensione