Non riesci a visualizzare la finestra di sicurezza del browser di Paypal?

Clicca qui
per riaprire la finestra e concludere il tuo acquisto.

Ancora un po' di pazienza. Il tuo ordine è quasi concluso.

I freni per la bici da corsa

79 Articoli
Utilizzo
  • 9
  • 79
  • 8
  • 14
Marchio
  • 1
  • 6
  • 4
  • 1
  • 1
  • 3
  • 2
  • 1
  • 4
  • 41
  • 7
  • 1
  • 6
  • 1
Funzionamento del freno
  • 1
  • 68
Modello
  • 26
  • 31
  • 13
Tipo di freno
  • 2
  • 43
  • 5
  • 14
  • 1
Prezzo in €
Recensioni clienti
Classificare
 
Pagina 1 di
2

I freni per bici da corsa

Freni bici da corsa

Chi pratica il ciclismo su strada sa bene che durante le gare o in percorsi in discesa si possono raggiungere velocità molto elevate, con i professionisti che arrivano addirittura a superare gli 80 km/h. Per prevenire danni anche molto gravi è quindi fondamentale avere sempre i dispositivi di sicurezza della bici, come i freni, perfettamente funzionanti e puliti e indossare il casco e le varie protezioni per il corpo. Per quanto riguarda i freni per bici da corsa un aspetto da non sottovalutare mai è la manutenzione: anche i freni più buoni e performanti potrebbero infatti riservare cattive sorprese se non ingrassati o se hanno subito dei danni non visibili a occhio nudo. Se si ha un qualsiasi dubbio o se si vuole fare un upgrade al mezzo è consigliabile acquistare un nuovo paio di freni per bici da corsa piuttosto che rischiare problemi ad alta velocità. Tra le marche che offrono freni per bici da corsa di ottima qualità e in vari range di prezzo possiamo trovare la Shimano, la Campagnolo e la SRAM. Oltre alla qualità dei freni stessi è importante che questi siano montati sul mezzo in maniera adeguata, quindi se non si è esperti o non ci si sente sicuri è meglio affidarsi a un meccanico preparato.

I vari tipi di freni per bici da corsa

La forma dei freni per bici da corsa varia in primo luogo in base alla collocazione degli stessi: i freni per la ruota anteriore hanno infatti una grandezza, un posizionamento e una forma diversa rispetto a quelli per la ruota posteriore. Per chi vuole avere la stessa qualità su entrambe le ruote è possibile acquistare anche dei set, in modo da garantire l’uniformità di frenata. Oltre a questa differenza basica i freni per bici da corsa variano in base al meccanismo di frenata e possiamo avere:

  • freni cantilever: possono essere montati sia sulle ruote anteriori che su quelle posteriori e sono formati da due leve collegate da un cavo di comando. La ruota si blocca grazie alla pressione dei pattini che agisce sulla superficie del cerchio. I freni cantilever sono una soluzione pratica, economica ed efficace ma hanno il difetto di poter danneggiare il cerchio della ruota a causa del continuo sfregamento al momento della frenata. Per questo motivo vanno sempre mantenuti puliti, soprattutto dal fango e dai detriti che potrebbero aumentare il rischio di rottura del cerchio. Di contro sono molto facili da smontare e cambiare. Comunque nei modelli da corsa di alta gamma questo tipo di freni non viene più usato e si preferiscono soluzioni più moderne e performanti. Il loro uso è consigliato a chi pratica la mountain bike perché sono di facile manutenzione.
  • freni a rulli: rappresentano l’evoluzione dei freni cantilever perché sono molto simili nella forma ma a differenza di quelli descritti sopra non hanno il cavo di comando sdoppiato. Hanno gli stessi pregi e difetti dei cantilever e quindi non sono adatti ai modelli di bici da corsa più performanti.
  • freni a V: anche questa è un’evoluzione del sistema cantilever. Sono formati da una pinza con perni indipendenti dalla forcella e hanno il vantaggio di avere un cavo che esercita una trazione in orizzontale, garantendo quindi un’ottima potenza di frenata anche se la ruota è bagnata o sporca. Un altro vantaggio importante è la facilità di smontaggio dalla ruota. Per questi due motivi i freni a V vengono montate sulle biciclette da corsa di bassa e media gamma.
  • freni a disco: questa tipologia di freni per bici da corsa è stata adatta dai freni presenti sulle moto e sulle auto. Oltre che sulle bici da corsa vengono usati anche per le mountain bike, incluse quelle delle discipline più estreme come il Downhill, perché assicurano un ottimo livello di frenata anche quando la ruota è sporca di fango o se piove. Per quanto riguarda le due ruote da strada, i freni per bici da corsa a disco funzionano ottimamente anche con le ruote in carbonio, cosa non scontata a causa delle qualità intrinseche di questo materiale. Oltre a frenare in maniera decisa in poco tempo, essi permettono di modulare in maniera quasi millesimale la frenata con il semplice tocco della mano. L’unico inconveniente è che per chi non è abituato sarà necessario fare un po’ di pratica prima di poter utilizzare questi freni al meglio. Esistono due tipologie di freni per bici da corsa a disco: quelli meccanici e quelli idraulici. I freni a disco meccanici sono a pinza e vengono azionati tramite un filo in acciaio inossidabile che attiva le leve mentre i freni a disco idraulici sono molto simili a quelli delle moto perché hanno dei tubi contenenti un olio idraulico minerale. Quando si frena si esercita una pressione sull’olio che poi spinge sui pistoni idraulici, avvicinando le pastiglie alla ruota e quindi fermandone il movimento.


Hai bisogno di aiuto?
Contatta i nostri esperti Lun-Ven: 10 -17
02 6006 3055
Newsletter
Registrati ora e riceverai un buono sconto di 10 €.
Offerte esclusive e fantastici buoni sconto ti aspettano.4

INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Clienti soddisfatti
Sei soddisfatto del servizio?