Non riesci a visualizzare la finestra di sicurezza del browser di Paypal?

Clicca qui
per riaprire la finestra e concludere il tuo acquisto.

Ancora un po' di pazienza. Il tuo ordine è quasi concluso.

Guarniture MTB

145 Articoli
Più su trasmissioni
Utilizzo
  • 136
  • 2
  • 25
  • 19
Marchio
  • 1
  • 1
  • 1
  • 2
  • 6
  • 10
  • 68
  • 33
  • 3
  • 1
  • 19
Compatibilità cambio
  • 2
  • 34
  • 65
  • 44
  • 1
  • 11
  • 18
Supporto asse
  • 13
  • 60
  • 28
  • 23
  • 4
  • 17
Numero di corone
  • 53
  • 34
  • 26
Prezzo in €
Recensioni clienti
Classificare
 
Pagina 1 di
3

Guarniture da mountain bike

Guarniture MTB

Come per gli altri componenti fondamentali della mountain bike, anche la scelta delle guarniture MTB si è andata allargando notevolmente negli ultimi tempi. Per questo, al fine di valutare la corretta funzionalità di una guarnitura, o di individuare quella più adatta per la nostra bicicletta, è importante comprenderne in primo luogo il meccanismo e il funzionamento.

Guarniture MTB: che cosa sono e come funzionano

Per guarnitura si intende il gruppo delle due pedivelle e delle corone che, assieme al deragliatore anteriore, al cavo e alla guaina cambio strutturano il cosiddetto cambio anteriore.

Il numero di corone può variare da uno a tre, anche se eccezionalmente sono state prodotte anche guarniture con 4 corone. Di solito le mountain bike montano tre corone, mentre le biciclette da corsa ne montano due (anche se non sempre questa consuetudine è rispettata: è il caso di bici da corsa con la tripla e di mountain bike con la doppia, ma anche, sempre più spesso soprattutto nelle competizioni, con la singola).

Le corone sono ordinate in base alla dimensione, crescente dall'interno verso l'esterno (contrariamente al pacco pignoni).

La guarnitura è usualmente posizionata a destra, lasciando la pedivella libera sul lato opposto, ed agisce in stretta sinergia con il movimento centrale. Non a caso, talvolta i due gruppi vengono venduti nello stesso kit.

Le corone (o la corona singola) vengono unite alla pedivella unilaterale grazie alle viti di serraggio, oppure per saldatura; la pedivella opposta si monta sul perno che attraversa il movimento centrale.

Il numero dei denti delle corone non è casuale e viene calcolato per ottenere una combinazione di rapporti (totale compresi quelli dell'eventuale pignone) priva di doppioni. La guarnitura classica comprende un ingranaggio maggiore da 53 o 52 denti ed uno interno da 39 o 42 denti (il 42 era più “di moda” un po’ di anni fa).

Ultimamente, però, è possibile acquistare corone con dentature al di fuori degli standard normalmente proposti – come le guarniture che prevedono ingranaggi da 34 e 48 denti per sfruttare al meglio la scelta dei pignoni posteriori, oppure da 36 e 50 denti; si tratta delle cosiddette guarniture compact – ma occorre fare attenzione alla compatibilità. Va preso in considerazione il giro bulloni, ossia il diametro della circonferenza passante per centro dei bulloni che bloccano le guarniture alla pedivella.

Queste soluzioni si rivelano efficaci anche in alternativa alla tripla moltiplica che, oltre ad appesantire il mezzo richiede la sostituzione di diversi componenti (leve, deragliatore, cambio e movimento centrale) per poter funzionare correttamente.

Struttura delle guarniture: movimento centrale, pedivelle e girobulloni

Le guarniture sono caratterizzate da tre fattori:

  • tipo di aggancio al movimento centrale (può essere a perno quadro, ISIS ecc.)
  • lunghezza delle pedivelle (variabile da 165 mm a 180 mm con scarti di 2,5 mm, anche se ormai sono facilmente reperibili solo quelle da 170 mm a 175 mm)
  • dimensione del girobulloni (identificata col diametro della circonferenza che passa attraverso i bulloni che fissano la corona alla pedivella).

Le corone possono essere imbullonate alla guarnitura o rivettate, in quest'ultimo caso non è possibile sostituire le corone o perlomeno non è prevista la loro sostituzione.

Particolarità delle guarniture MTB

La guarnitura per bici da corsa è generalmente caratterizzata da due o, più raramente, una sola corona. La coppia di corone è da 39 e 53 denti; nel caso di quella singola (sistema più datato), è composta da 48 denti (anche se esistono delle versioni compact).

Le guarniture da mountain bike invece, nacquero già provviste di tre corone per affrontare le difficoltà dei terreni sconnessi, anche se la dentatura delle corone era ancora molto vicina a quelle delle bici da corsa per quanto riguarda le corone più grandi. Era infatti molto diffusa la guarnitura 48-38-28, mentre successivamente si è passati a corone via via più piccole, anche in questo caso diminuendo il girobulloni in maniera opportuna. Attualmente sono molto diffuse le guarniture con 44-32-22 denti per le tre corone.

Esistono anche guarniture da mountain bike doppie, che, accoppiate con pacchi pignoni da 9 velocità, offrono comunque un'adeguata gamma di rapporti per tutte le situazioni. In questo caso le corone hanno rispettivamente 44 e 29 denti.

Infine, certe mtb specifiche o particolari prediligono una guarnitura a corona singola. Il monocorona è particolarmente usato su mezzi destinati al gravity e al cross country, che hanno orientamenti specifici e non necessitano di un'amplissima gamma di rapporti. Inoltre, nelle competizioni, quando si cambia con il deragliatore anteriore c'è il rischio che si incastri, cosa che non accade con la singola.

Nei mezzi destinati all'uso più intenso è comune montare, se non già presente, un resistente anello chiamato bash ring per proteggere le corone. Il bash può anche essere fisso e montato sul lato interno, e di solito è abbinato a un sistema guidacatena e tendicatena, che impedisce la caduta della catena dalle corone.



Hai bisogno di aiuto?
Contatta i nostri esperti Lun-Ven: 10 -17
02 6006 3055
Newsletter
Registrati ora e riceverai un buono sconto di 10 €.
Offerte esclusive e fantastici buoni sconto ti aspettano.4

INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Clienti soddisfatti
Sei soddisfatto del servizio?