Categorie
 

Testato da Bikester: Zaino CamelBak K.U.D.U. TransAlp Protector 30

Testato da Bikester: Zaino CamelBak K.U.D.U. TransAlp Protector 30


		

Per molti ciclisti i tour di più giorni in mountain bike attraverso le montagne d'Europa sono ogni anno un appuntamento fisso. Ciò vale anche per il nostro collega Jens, che recentemente si è recato nelle regioni del Palatinato e dei Vosgi (al confine tra la Germania occidentale e la Francia orientale) per cinque giorni di energiche pedalate lungo 450 chilometri di percorsi vari. Per questo viaggio, ha deciso di testare lo zaino CamelBak K.U.D.U.

In qualità di Bike Expert Manager presso Bikester, Jens ha la responsabilità di garantire che tutti i nostri clienti trovino esattamente l'attrezzatura che stanno cercando nel nostro negozio online. Quindi, sa bene di cosa ha bisogno uno zaino da ciclismo per gestire lunghe distanze senza problemi. Continua a leggere se sei curioso di sapere come se l'è cavata il K.U.D.U. durante quest'avventura tra le montagne!

La scelta perfetta per impegnative discese in mountain bike.

Jens Frank

Adoro percorrere lunghe distanze con la mia mountain bike e ho voluto pedalare per lungo tempo nel Palatinato e nei Vosgi. Un zaino da ciclismo adatto allo scopo era l'unica cosa che mi mancava per questa avventura. Per poter portare con me tutto il necessario per un viaggio di 5 giorni avevo bisogno di una capacità di circa 30 litri. Il K.U.D.U. TransAlp Protector 30 della CamelBak sembrava essere lo zaino perfetto. L'ho davvero messo alla prova, trascorrendo cinque giorni all'inseguimento del vento e del maltempo, trovando in qualche modo anche il tempo per godermi il paesaggio.

Prime impressioni

Ho molta esperienza con i tour di più giorni in mountain bike e il K.U.D.U. non è stato il mio primo zaino da ciclismo di queste dimensioni. La qualità della lavorazione era evidente sin dall’inizio. Ho anche notato il paraschiena integrato, molto importante in caso di caduta, il quale può essere rimosso in pochi semplici passaggi. Oltre a essere in grado di trasportare attrezzature tra cui un casco, sono state incluse alcune caratteristiche interessanti che non tutti gli zaini da ciclismo presentano. Queste includono un fischietto di sicurezza integrato sulla fibbia della cintura toracica, una cinghia sull’anca dal design unico, una tasca per gli attrezzi rimovibile, una piccola tasca con interno morbido per occhiali o telefoni cellulari e la possibilità di trasportare una batteria per e-bike. Anche se non avevo bisogno del vano batteria, gli amanti delle bici elettriche lo apprezzeranno di certo. Dopo questo esame iniziale, lo zaino sembrava all’altezza delle aspettative. Ero curioso di vedere come si sarebbe comportato sulla bici.

Il K.U.D.U. sa stupire sui sentieri

Sono stato in grado di conservare tutta la mia attrezzatura nello zaino senza problemi e ho anche avuto spazio per più attrezzi. Una sacca idrica integrata sarebbe stata piacevole, ma sfortunatamente non era inclusa; tuttavia, mi sono dotato della sacca idrica CamelBak Crux 3l compatibile prima del viaggio. Il K.U.D.U. era ora ben organizzato e sono riuscito a mettere a punto l’adattamento alla mia anatomia: le diverse cinghie mi hanno permesso di regolare facilmente lo zaino su spalla e fianchi, e CamelBak include anche due cinturini per una presa sicura. Durante il viaggio, il K.U.D.U. è stato esposto a condizioni meteorologiche diverse, dal sole alla pioggia, fino a leggere nevicate. Il parapioggia in dotazione, che può essere facilmente e rapidamente applicato, offre un’ottima protezione dal bagnato. Durante le pedalate sui terreni impegnativi e in discesa, lo zaino aderiva perfettamente alla mia schiena e rimaneva in posizione. Tuttavia, la cintura ventrale e dell’anca sono molto morbide e flessibili e supportano solo un po’ del peso. Di conseguenza, la maggior parte del peso, specialmente in salita, poggia principalmente sulle spalle, che alla fine iniziano a risentirne.

Conclusioni

Il CamelBak K.U.D.U. è la scelta perfetta per escursioni in mountain bike in discesa o enduro della durata di diversi giorni in cui è richiesta una vestibilità ottimale. L’ho trovato meno adatto per le lunghe salite perché il carico principale non è condiviso equamente tra spalle e fianchi. Non è il più leggero della sua categoria, ma con il suo spazio di archiviazione ampio e adattabile, numerose tasche ben congegnate e robuste cerniere, il K.U.D.U. ti dà quasi tutto il necessario per i tour di più giorni. Può persino ospitare una batteria Bosch o Shimano. È un peccato che sia relativamente costoso, soprattutto perché non è dotato di una sacca idrica inclusa nella confezione.

Valutazioni

Funzionalità e performance0%
Rapporto qualità/prezzo0%
Lavorazione/durata0%
Design0%
Innovazione0%