Non riesci a visualizzare la finestra di sicurezza del browser di Paypal?

Clicca qui
per riaprire la finestra e concludere il tuo acquisto.

Ancora un po' di pazienza. Il tuo ordine è quasi concluso.


Freni a disco (137 Articoli)

Utilizzo

Selezionato:

Modello

Selezionato:

Tipo

Selezionato:

Attacco del freno a disco

Selezionato:

Lunghezza leva del freno

Selezionato:

Marchio

Selezionato:

Prezzo (€)

  • -
    Accetta

Recensioni clienti

Selezionato:
Classificare
Pagina 1 di
3
 
Classificare
Pagina 1 di
3

Freni a disco per le bici: la rivoluzione per le mtb e le bici da corsa

Freni a disco Bici

I freni a disco stanno rapidamente sostituendo lo standard dei freni tradizionali sulle biciclette, in particolare per le mtb e le bici da corsa.

Si tratta di un sistema frenante mutuato dal settore motociclistico e presenta caratteristiche, vantaggi e svantaggi che lo rendono drasticamente diverso dai freni a pattino finora utilizzati sulle biciclette. Vediamo di che si tratta.

Come sono composti i freni a disco per la bici?

I freni a disco per le bici sono composti dal pompante, dalle guaine, dalla pinza, dal rotore, e dalle pastiglie. Infine ci sono i mozzi e le ruote che sono di struttura diversa rispetto alle ruote che alloggiano i freni a pattini tradizionali.

Il pompante, anche detto la leva del freno, è quello che si trova sul manubrio e aziona i freni. Ha il compito di muovere il filo sui freni a disco meccanici, oppure di spingere l’olio nel caso dei freni a disco con sistema idraulico.

Le guaine sono il rivestimento dei freni, e solitamente sono ricoperte con materiale plastico oppure metallico. La pinza del freno è quella che si monta sul telaio: nel caso dei freni a disco meccanici, questa pinza trasferisce il movimento del filo alle pastiglie frenanti, mentre nei freni a disco idraulici aziona il movimento dei pistoni.

Freni a disco per la bici: le pastiglie, il disco, le ruote e il mozzo

Le pastiglie si trovano all’interno della pinza. Sono fatte gomma e resina, oppure metalliche o semimetalliche, e spingono contro il disco (rotore), per frenare la ruota.

Le pastiglie contengono un ferodo che si consuma con l’uso. Il rotore, cioè il disco, è un componente di metallo che si monta sul mozzo.

Ci sono molti standard, ciascuno in base alla casa produttrice, e diversi diametri. I diametri più frequenti vanno dai 140 ai 180 mm.

Un diametro del disco più grande corrisponde a una maggiore potenza di frenata. Le ruote e i mozzi predisposti per i freni a disco per le bici sono diversi dagli altri perché sono molto più grandi, a causa del fatto che devono ospitare il rotore. I raggi sono specifici per questo sistema.

Freni a disco per la bici meccanici o idraulici: quali sono le differenze?

I freni a disco per le bici da corsa con sistema meccanico hanno un filo di metallo, rivestito da una guaina, che aziona le pastiglie sul disco.

I freni a disco con sistema idraulico, invece, hanno un olio al posto dei fili metallici all’interno della guaina: questo olio minerale viene mandato in pressione tramite la leva del freno sul manubrio e fa muovere due pistoncini, su cui sono posizionate le pastiglie.

Le pastiglie quindi si avvicinano al disco e frenano.

Freni a disco per bici: meccanico o idraulico?

I freni a disco per bici sono il sistema meccanico usato principalmente per le city bike e per il cicloturismo, perché i terreni sono quasi sempre uniformi e non è necessario acquistare un sistema performante come quello idraulico.

Inoltre, il sistema meccanico offre meno potenza, ma ha bisogno di una manutenzione minore. I freni a disco per la mtb con sistema idraulico sono invece quasi lo standard per le mtb, perché, sebbene più pesanti e costosi, offrono potenza, stabilità, sicurezza e sono più performanti.

Il vantaggio principale dei freni a disco per la mtb idraulici risiedono nella possibilità di modulazione della frenata, cioè si può decidere quanta pressione dare al freno.

Questo tipo di sistema ha bisogno di controlli e manutenzione supplementari, perché l’olio presente nelle guaine può fuoriuscire e toccare le pastiglie, rendendone necessaria la sostituzione, oppure può corrodere la vernice della bici, perciò deve essere sempre controllato per verificare che non ci siano tagli o rotture delle guaine. Inoltre c’è il rischio che durante l’uso l‘aria penetri nell’impianto, con necessità di smontarlo per spurgarlo.

I vantaggi dei freni a disco per la mtb

I freni a disco per la mtb offrono la possibilità di frenare con un semplice tocco sulla leva, pertanto sono ideali per frenare in corsa senza a bloccare la ruota come succede nei sistemi a pattini: è una funzione ideale per evitare di perdere attrito con il terreno.

Sono inoltre molto indicati per le mtb e le bici corsa perché impediscono l’accumulo di fango, acqua e polvere sotto la forcella, e sono più potenti. La regolazione di un freno a disco è inoltre più semplice del sistema con i pattini, perché è sufficiente smontare la ruota e le pastiglie, lubrificare i pistoncini e rimontare il tutto.

A chi sono consigliati i freni a disco per le bici?

I freni a disco per mtb e i freni a disco per le bici da corsa sono indicati per chi ama una sistema frenante che funzioni su tutti i tipi di terreno, in particolare quello fangoso o comunque irregolare, perché sono stabili e sicuri.

I freni a disco per le bici funzionano decisamente bene sui cerchi in carbonio, ma è necessario avere le ruote, il telaio e la forcella predisposti per montare questo sistema.



Hai bisogno di aiuto?
Contatta i nostri esperti! Lun-Ven: 10 -17
02 6006 3055
Newsletter
Registrati ora e riceverai un buono sconto di 10 €.
Offerte esclusive e fantastici buoni sconto ti aspettano.4
Clienti soddisfatti
Sei soddisfatto del servizio?