Negozio online Bikester
Trova i tuoi regali qui | Scopri di più

Biciclette da Corsa Donna

9 Articolo
Filtro
Reset

Misura ruota

  • 28 9

Telaio - Design

  • Aero 1
  • Race 7

Sistema freni

  • Freno a disco idraulico 6
  • Freno a disco meccanico 2

Marchio

Serie

  • Cube Axial 6
  • LIV Avail 1
  • LIV Envie 1
  • LIV Langma 1

Tipo di materiale

  • Alluminio 3
  • Carbonio 5

Cambio - Marchio

  • Shimano 6
  • Sram 2

Numero di marce

Peso in kg

kg
kg

Colori

  • Beige
  • Lilla
  • Blu
  • Bianco
  • Nero
  • Argento

Prezzo

a
Ordina
I più venduti Novità Miglior recensione Prezzo più alto Prezzo più basso Il più scontato
Filtro
Ordina
I più venduti Novità Miglior recensione Prezzo più alto Prezzo più basso Il più scontato
Liv Avail AR 2 Donna, beige/viola
Liv Avail AR 2 Donna, beige/viola beige/viola
Nuovo
Liv
Avail AR 2 Donna, beige/viola
€ 1.249,00
  • disponibile in molte varianti
Liv Langma Advanced 2 Disc Donna, argento
Liv Langma Advanced 2 Disc Donna, argento argento
Liv
Langma Advanced 2 Disc Donna, argento
€ 2.099,00
  • Varianti: M | 48cm (28")L | 51,5cm (28")
Liv EnviLiv Advanced Pro 0 Donna, nero/beige
Liv EnviLiv Advanced Pro 0 Donna, nero/beige nero/beige
Particolarmente leggero: 8.12 kg
Liv
EnviLiv Advanced Pro 0 Donna, nero/beige
€ 5.999,00
  • Varianti: S | 50cm (28")
Cube Axial WS GTC Pro Donna, nero
Cube Axial WS GTC Pro Donna, nero nero
Cube
Axial WS GTC Pro Donna, nero
€ 1.899,00
  • Varianti:
Cube Axial WS Donna, bianco
Cube Axial WS Donna, bianco bianco
Cube
Axial WS Donna, bianco
€ 899,00
  • Varianti:
Cube Axial WS Race Donna, viola
Cube Axial WS Race Donna, viola viola
Nuovo
Cube
Axial WS Race Donna, viola
€ 1.599,00
  • Varianti:
Cube Axial WS GTC SL Donna, argento
Cube Axial WS GTC SL Donna, argento argento
Cube
Axial WS GTC SL Donna, argento
€ 2.299,00
  • Varianti:
Cube Axial WS Pro Donna, blu
Cube Axial WS Pro Donna, blu blu
Cube
Axial WS Pro Donna, blu
€ 999,00
  • Varianti:
Cube Axial WS C:62 SL Donna, blu
Cube Axial WS C:62 SL Donna, blu blu
Cube
Axial WS C:62 SL Donna, blu
€ 3.299,00
  • Varianti:

Le bici da corsa per donne

Bici corsa donna Cube

Negli ultimi decenni il mondo del ciclismo professionistico si è evoluto non solo per quanto riguarda le tecnologie e le innovazioni sul mezzo a due ruote ma anche per quanto riguarda l’integrazione. Ormai non è più solo uno sport da uomini e il ciclismo professionistico femminile sta crescendo in maniera esponenziale, con atlete sempre più conosciute e gare seguite da un gran numero di spettatori. Anche i produttori di biciclette stanno notando il cambio e sempre più marche propongono modelli di bici da corsa adatti per le donne. Sono ormai lontani i tempi in cui si proponevano soluzioni di ripiego, come modelli di bici da uomo di taglia XXS con attacchi manubrio più corti, che dovevano essere modificate in alcune componenti per adattarsi al fisico femminile. Oggi sempre più marche, come la Cube, hanno in catalogo biciclette da corsa che rispondono alle necessità femminili.

Caratteristiche delle bici da corsa per donne

La differenza tra bici da corsa da uomo e bici da corsa da donna non sta solo nella grandezza del modello: la corporatura femminile, infatti, differisce da quella maschile non solo per l’altezza ma anche per le proporzioni. Le donne tendono ad avere le gambe più lunghe in proporzione al busto, le braccia più corte, le spalle più strette e la zona del bacino più larga. Pertanto le bici da corsa per donne, che rappresentano il top della gamma nel mondo delle biciclette, tendono ad avere delle geometrie molto diverse da quelle di una bici da uomo ed è possibile adattare anche i diversi componenti della bici a seconda della corporatura della ciclista.

Il primo elemento che rende un modello di bicicletta da corsa adatto per le donne è senza dubbio il telaio: la geometria del telaio, infatti, deve andare a supportare al meglio le particolarità del corpo femminile e migliorare la performance in base a queste caratteristiche specifiche. Chiunque abbia avuto una bicicletta, anche senza essere un esperto del mezzo, sa che la principale differenza tra bici da uomo e da donna sta nella canna superiore, dritta per gli uomini e obliqua per le donne. Questa posizione ha un retaggio storico antico, poiché la canna obliqua era utile per le donne dei primi del ‘900 che indossavano lunghe gonne e non riuscivano a scendere facilmente dalle bici con canna dritta. Anche se oggi le donne non indossano più questo tipo di abiti, la distinzione tra i diversi tipi di biciclette è rimasta intatta, tranne che nel mondo delle biciclette da corsa per donne che infatti conservano una canna orizzontale come i modelli maschili. Questo perché le bici da gara devono essere altamente performanti e il modello a canna orizzontale permette di avere una bici solida e resistente anche usando materiali leggeri e aerodinamici. L’unica differenza per la canna superiore della bici da corsa da donna comparata con quella da uomo è la lunghezza: poiché le donne sono generalmente più basse degli uomini, il telaio sarà più piccolo e di conseguenza il tubo superiore più corto. La parte del telaio che nei modelli da donna risulta più inclinata rispetto alle bici da uomo è il tubo piantone: il bacino femminile più largo fa sì che l’angolazione tra femore e tibia sia maggiore e perciò un piantone inclinato risulta più stabile e comodo per la conformazione fisica femminile.

Le differenze tra bici da corsa per donne e per uomini non si limitano solo alla grandezza e alla forma del telaio, tra gli elementi modificati ci sono anche la sella, il manubrio e le leve dei freni e del cambio. Per quanto riguarda la sella è sempre la conformazione del bacino femminile a motivare la scelta di montare selle più larghe su bici da corsa per donne. La lunghezza del manubrio è proporzionale alla larghezza delle spalle del biker, quindi le donne che hanno spalle più strette avranno bisogno di un manubrio meno lungo. Il reach dei manubri delle bici da corsa per donne è più corto perché queste tendono ad essere più basse e ad avere le dita più piccole e corte. Le mani femminili più piccole giustificano anche la minore grandezza delle leve dei freni e del cambio, che quindi essendo di dimensioni inferiori risultano più facili da maneggiare.